Amministrazione e Finanza: uno sguardo al futuro prossimo

Negli ultimi anni, tra le varie innovazioni tecnologiche che stanno rivoluzionando i modelli di business, un posto di rilievo è occupato dai Big Data, quell’insieme di processi di gestione, aggregazione, analisi e conservazione di dati elettronici in tempi rapidi e con un alto livello di precisione.

Questa tecnologia, che è uno dei pilastri su cui si basa l’architettura del modello d’industria 4.0, richiede specifiche competenze in materia di organizzazione strutturale e comunicazione.

Queste innovazioni, che avranno un impatto ad ampio raggio su tutte le attività core delle aziende, saranno particolarmente significative in ambito amministrativo e finanziario.

In passato, gran parte dei dati acquisiti, prodotti e gestiti dai dipartimenti Amministrazione, Finanza e Controllo si basavano su calcoli macchinosi, non sempre precisi, ed erano pubblicati con comunicazioni trimestrali e annuali.

Grazie all’unione di sistemi di analisi e gestione avanzata dei dati e l’utilizzo dei canali di comunicazione di ultima generazione, i dipartimenti amministrativi e finanziari oggi possono informarsi ed informare rapidamente, con precisione e sicurezza.

Grazie alle nuove tecnologie è possibile usufruire di una varietà di canali di comunicazione molto più ampia; basti pensare alle opportunità offerte dai canali digital, quali social media, siti web, blog e altro ancora.

Con il mutare del mercato, per il mondo amministrativo e finanziario, avere delle tecnologie capaci di facilitare la conservazione, l’analisi e la diffusione dei dati sta diventando un elemento che non può essere più trascurato.

In Italia e più in generale in Europa, l’utilizzo di queste tecnologie tra le aziende non è ancora molto diffuso.

Tuttavia, secondo i più recenti studi di settore, un numero crescente d’imprese si affida a questi strumenti riscontrando dei benefici dal punto di vista della gestione e della qualità dei dati acquisiti ed evasi.

Molte realtà che ancora non si sono adeguate a questi standard impiegano diverse persone in mansioni ripetitive e noiose.

Nei prossimi vent’anni, con la diffusione dei Big Data, il 94% di queste operazioni sarà eseguito dai robot; ma non c’è da preoccuparsi.

Il processo innescato dalle innovazioni non porterà alla sostituzione degli uomini con le macchine bensì alla creazione di nuovi profili capaci d’interfacciarsi in modo professionale con le tecnologie.

Tuttavia, non basta dotarsi di strumenti innovativi per far parte della grande famiglia dell’Industria 4.0.

Al fine di sfruttare al meglio e trasformare le opportunità di business, sarà fondamentale avere dei professionisti con una formazione che li renda capaci di rispondere positivamente alle sfide delle nuove tecnologie.

Dunque, gli addetti ai settori amministrativi e finanziari del futuro saranno chiamati ad acquisire nuove competenze, qualifiche ed esperienze per affrontare i cambiamenti

Nell’industria 4.0 dei Big Data, dell’automazione e della comunicazione via web, chi lavora nell’area Amministrazione, Finanza e Controllo dovrà porre maggiore attenzione allo sviluppo di capacità analitiche e di management ed essere dotato di un forte senso imprenditoriale;

e chiaramente dovrà essere sempre più a proprio agio con le tecnologie.

Probabilmente, ci vorrà del tempo per raggiungere ciò, ma questo è il momento di prendere delle decisioni per far fronte ai cambiamenti verso cui ci dirigiamo.

By | 2017-10-09T18:40:21+00:00 giugno 30th, 2017|Senza categoria|0 Commenti

About the Author:

Scrivi un commento